Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

NEWS



Email:

Password:


Registrati

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi informazioni
sulle ultime novità.

CONTATTI

Zona Industriale Cucullo
66026 Ortona (Ch)
Tel. +39 085/9039193 - Fax +39 085/9039202
E-mail: info@tecnolab.org

Prove in situ

Nella sezione prove in situ sono raggruppate quelle prove che si eseguono su strutture o parti di strutture, su pavimentazioni stradali e rilevati.

In genere sono prove riconducibili a collaudi in corso d’opera o di verifica dello stato esistente.
Le prove in corso d’opera sono in genere eseguite su

• prove su solai
• su pali di fondazione
• impalcati


Le prove di carico sui solai vengono normalmente svolte con carico idraulico o martinetti a contrasto. La prova viene eseguita sugli elementi strutturali da verificare con un carico tale che le sollecitazioni indotte siano pari a quelle di progetto, verificando puntualmente, con la lettura dei comparatori centesimali e/o trasduttori che la curva carico deformazioni sia rettilinea e che le deformazioni residue sia limitate.

Sui pali di fondazione vengono eseguite prove di carico, prove Cross Hole, prove di integrità. Le norme tecniche prevedono prove di carico obbligatorie in misura dell’1% del numero totale dei pali, con un minimo di due per ciascun tipo costruttivo. Le prove di carico si dividono in prove pilota e prove di collaudo.

Le prime si eseguono su pali non appartenenti alla struttura e generalmente il carico viene spinto fino alla rottura della fondazione per studiarne il comportamento geotecnica, le seconde invece vengono eseguite su elementi facenti parte della struttura, e senza compromettere la portanza del palo servono per testare la bontà costruttiva e la correttezza delle ipotesi poste alla base del calcolo.

La tecnica cross-hole permette di evidenziare difetti dei pali, anche di piccola entità, mediante la lettura di anomalie di trasmissione del segnale (sonico) che si propaga attraverso di esso. Le informazioni che si ottengono riguardano la presenza di fratture, di vuoti, di strutture a nido d’ape, ovvero inclusioni di terreno.

La metodologia di prova eco test, catalogabile tra i controlli non distruttivi, ha per obiettivo la verifica dell’integrità del palo. Consiste nel sollecitare con un martello la testa del palo e nel registrare mediante un accelerometro il segnale riflesso.

Recentemente le norme, nel caso di strutture esistenti, hanno introdotto l’obbligo di eseguire le prove al fine di verificare la bontà dei materiali.
La TECNOLAB, è fornita di personale qualificato ed idonea attrezzatura per la esecuzione delle seguenti prove:

• Strutture in cemento armato
• Controllo della resistenza del calcestruzzo in opera
• Prove sclerometriche
• Indagini con ultrasuoni
• Prove combinate e metodo SonReb
• Carotaggio e prova a compressione
• Profondità di carbonatazione
• Prelievo di barre d’armatura
• Prove pacometriche

• Strutture in muratura
• Endoscopie
• Caratterizzazione della muratura
• Carotaggio
• Martinetti piatti


TecnoLab Ŕ l'azienda specializzata nella realizzazione di prove di resistenza su strutture di vario genere. Le prove in situ vengono realizzate con strumenti all'avanguardia per offrire risultati soddisfacenti e precisi: le verifiche si terranno durante la realizzazione di pali di fondazione, viadotti e prove di carico su solai. Le prove di carico su solai vengono effettuate dal personale altamente specializzato di Tecnolab sia durante che a fine della realizzazione dei solai.